Informazioni generali

Come innaffiare l'orchidea durante la fioritura

Pin
Send
Share
Send
Send


La maggior parte delle orchidee che decorano le collezioni indoor di floricoltori sono epifite delle regioni tropicali dell'Asia, dell'Australia e dell'America. In natura, tali piante, non trovando una quantità sufficiente di terreno nutriente, furono costrette ad adattarsi per ricevere la quantità principale di minerali e acqua dai depositi di suolo scarso sui tronchi degli alberi e dall'atmosfera. Ai tropici, l'intero fabbisogno di orchidee idratanti è soddisfatto a causa delle frequenti e abbondanti piogge. E a casa le precipitazioni naturali dovrebbero sostituire l'irrigazione.

Come innaffiare l'orchidea? La pianta ha requisiti specifici per l'acqua che arriva alle sue radici?

Specificità del consumo di umidità da epifite

È importante capire che le piante epifite consumano l'umidità secondo una certa specificità che le distingue dalle piante forofite. Prima di irrigare il tuo fiore esotico, devi studiare e capire questa specificità.

E solo dopo potrai adattare l'innaffiatura delle orchidee, che si avvicina di più al naturale consumo di umidità del fiore in natura. La specificità si basa sui seguenti modelli:

  1. Le piante della famiglia Orchid assorbono l'umidità in determinate dosi e gradualmente. Tale meccanismo sarà eseguito a causa della struttura di successo delle radici del fiore. L'apparato radicale ha peli sottili ricoperti di tessuto lignificato. Assomiglia a una spugna, che dispensa l'acqua per il consumo.
  2. Nell'habitat naturale delle orchidee si consuma umidità durante la pioggia, la nebbia, la rugiada. A volte assorbono del liquido dalla superficie del phorophyte. Ma la caratteristica principale è che le radici delle orchidee sono sempre in onda e non rimangono bagnate su base permanente.
  3. La crescita dei rappresentanti della famiglia Orchid in condizioni naturali avviene secondo un certo ciclo: prima si sviluppano attivamente le foglie e il sistema radicale, poi inizia il periodo di fioritura, che spesso coincide con la fase di pioggia attiva nei tropici. Questo dovrebbe essere tenuto in considerazione durante l'irrigazione domestica e regolare l'intensità e il ritorno dell'umidità ciclica.
  4. Le piante epifite nel processo di evoluzione hanno acquisito la capacità di sopravvivere periodi secchi senza problemi. Sono in grado di accumulare acqua nelle foglie, germogli, radici e bulba.
  5. L'energia solare e la frequenza dell'irrigazione sono correlate. Quando nelle latitudini tropicali ci sono periodi con un piccolo numero di giorni di sole, gli epifiti rallentano la crescita e lo sviluppo, e in questo momento non hanno bisogno di una grande quantità di umidità. Inoltre, se durante tali periodi di umidità sarà troppo, può iniziare il processo di decomposizione del sistema radicale.

È importante!Prima di iniziare ad irrigare le orchidee, scegli lo strato superiore del terreno e controlla quanto è bagnato.

Durezza dell'acqua

L'acqua per l'irrigazione delle orchidee dovrebbe essere morbida, in casi estremi - moderatamente dura. Determinare indipendentemente la durezza dell'acqua è improbabile che abbia successo a causa di varie difficoltà tecniche.

Per una valutazione generale, citeremo i seguenti dati: a San Pietroburgo e negli Stati baltici, l'acqua è morbida, a Mosca - moderatamente dura, a Kiev e nelle zone limitrofe - molto difficile. Cioè, se nelle regioni specificate della Russia l'acqua non può essere pretrattata per minimizzare la durezza, allora a Kiev è semplicemente necessario farlo. Le orchidee hanno molte varietà e tipi - nero, scarpe di Venere, ludizii, blatte, Wanda, tselogin, dendrobium, cymbidium, miltonia, cambria, oncidium, - solo alcuni di loro. Per ridurre la rigidità, è possibile acquistare l'acido ossalico, che si trova sugli scaffali di molti garden center. 1/8 cucchiaino viene aggiunto a 5 litri di acqua. giorno acido infuso. Quindi l'acqua viene scaricata (usando un filtro o una garza arrotolata più volte). Alcune persone tendono a pensare che sia possibile utilizzare regolarmente acqua distillata per l'irrigazione, poiché è morbida. Il fatto è che un tale liquido è completamente privo di sali minerali e deve essere diluito con acqua di rubinetto.

Un altro modo efficace per ridurre la rigidità è il filtraggio. Oggi ci sono filtri speciali per l'acqua che alleviano il liquido da funghi, batteri e sali di metalli pesanti.

Qualità dell'acqua per annaffiare le orchidee

Per evitare spiacevoli sorprese, si consiglia di utilizzare acqua dolce purificata per annaffiare le orchidee. Prima di innaffiare l'orchidea a casa dall'umidità, rimuovere tutte le impurità potenzialmente pericolose per il fiore.

A tale scopo viene utilizzata l'ebollizione ordinaria, durante la quale:

  • i composti volatili di cloro presenti nell'acqua di rubinetto evaporano,
  • i sali vengono precipitati formando un rivestimento biancastro familiare sul terreno e sulla superficie del vaso da fiori,
  • la microflora viene distrutta,
  • ridotta concentrazione di composti ferrosi.

L'assestamento non darà un tale risultato, poiché a temperatura ambiente ordinaria ci vuole molto tempo per sbarazzarsi di sali e varie forme di ferro, e la microflora si manifesterà solo in piena forza, causando una sospensione verde di alghe o un film torbido sulla superficie.

Se il coltivatore non ha la capacità di far bollire o filtrare il volume d'acqua richiesto, è possibile ridurre la concentrazione di calcio non necessaria alla pianta acidificando il liquido. Questo viene fatto con una piccola quantità di acido ossalico o passando attraverso uno strato di torba ad alto attracco.

La cosa principale è che l'umidità risultante dopo il trattamento non acquisisce una maggiore acidità.

Usando acqua distillata per innaffiare l'orchidea

  • per l'allevamento di medicazioni liquide,
  • per l'irrigazione della corona,
  • per lavare l'apparato radicale e il suolo dall'eccesso di sale.

In questo caso, è possibile garantire che dopo l'innaffiatura di orchidee e altre procedure igieniche sul fogliame e le radici non rimangano spiacevoli punti biancastri.

Ma per riscaldare l'umidità dell'irrigazione a temperatura ambiente o andare un po 'più in alto - estremamente utile. Per inumidire il substrato di phalaenopsis, i giardinieri di orchidee più modesti e popolari, ad esempio, l'acqua richiede 30-35 ° C.

Come innaffiare l'orchidea?

Sfortunatamente, l'irrigazione sbagliata delle orchidee porta più spesso all'indebolimento e alla morte delle piante da fiore. Un sacco di umidità può accumularsi in succulenti rizomi, foglie o pseudobulbi di orchidee, quindi le piante senza danni visibili tollerano i passaggi d'irrigazione.

L'acqua in eccesso, in particolare il suo ristagno nella pentola, porta inevitabilmente alla formazione di focolai di marciume sulle radici. Perdendo la capacità di mangiare, l'orchidea si indebolisce e può morire.

Con che frequenza irrigare l'orchidea a casa, per salvare la pianta dalla mancanza di nutrimento e dal rischio di ristagno? La frequenza di irrigazione dipende da:

  • nel periodo dell'anno
  • dal ciclo di vita della pianta,
  • temperatura e umidità nella stanza,
  • sulle caratteristiche del metodo di coltivazione dell'orchidea e del substrato utilizzato.

Non è necessario effettuare l'irrigazione se nel recipiente ci sono gocce di condensa tra i pezzi di terreno e le radici stesse sono bagnate.

Durante tutto l'anno, l'orchidea riceve le stesse porzioni di acqua, solo la frequenza dei cambiamenti di irrigazione. E 'possibile determinare la necessità di inumidire il substrato non solo dal tatto, ma anche dal peso della pentola con la pianta. Il terreno essiccato è molto più facile bagnato.

Metodi di annaffiare le orchidee a casa

Alcune delle orchidee crescono con successo nel substrato sciolto nutriente, ci sono molte specie che preferiscono una miscela a grana grossa di corteccia, carbone, muschio e argilla espansa. E alcune orchidee fatte in casa non costano affatto un piatto tradizionale. Come annaffiare orchidee domestiche con abitudini così diverse? La peculiarità della crescita e della nutrizione delle orchidee determina la varietà di modi per annaffiarle.

Innaffiare le orchidee dalle annaffiatoi e sotto l'acqua corrente

L'irrigazione viene effettuata con molta attenzione, cercando di mantenere l'umidità uniforme su tutta la superficie del terreno o parti del sistema radicale, ma in nessun caso si accumula all'interno della rosetta delle foglie. La procedura continua fino a quando l'acqua non uscirà dai fori di drenaggio. Poi le è permesso di drenare, e dopo pochi minuti vengono date altre 2 o 4 irrigazioni.

Quando l'annaffiatura è completata, le orchidee vengono asciugate rimuovendo un liquido che è entrato accidentalmente dalle foglie, dai boccioli ascellari e dal centro dell'uscita con un tovagliolo, un batuffolo di cotone o un batuffolo di cotone.

Orchidee ad immersione nell'acqua

Il vaso viene posto in un contenitore con acqua tiepida in modo che il suo bordo sia leggermente al di sopra del livello del liquido, e il fogliame e il gambo non si bagnino. Il tempo di esposizione all'umidità che penetra attraverso le fessure e i fori di drenaggio dipende dal tipo di impianto, dalle sue dimensioni e dal periodo dell'anno. È ottimale se per la prima volta il vaso rimane in acqua per 5-10 minuti. Quindi viene rimosso, lasciato asciugare l'umidità in eccesso e, se necessario, ripetere la procedura. Dopo tale irrigazione, è importante assicurarsi che non vi sia accumulo di acqua nel terreno.

Caratteristiche di irrigazione durante la fioritura

Per capire come innaffiare le orchidee durante la fioritura, è necessario sapere quali cambiamenti si verificano con i fiori durante questo periodo. E le accadono cose interessanti. La necessità di nutrienti aumenta in modo significativo. Allo stesso tempo, il fiore spende tutte le sue forze accumulate, prima sulla crescita del peduncolo e poi sulla formazione dei germogli e sulla formazione dei fiori. Il periodo di fioritura può durare per mesi, giorno dopo giorno, riducendo l'immunità alle piante.

Da questo è chiaro che il fiore richiede più acqua e oligoelementi in questo periodo. Ma l'eccesso e la ritenzione idrica avranno immediatamente un effetto dannoso su una pianta indebolita.

Quindi concludiamo che l'irrigazione durante la fioritura delle orchidee a casa dovrebbe essere frequente, ma moderata. E non sarà superfluo applicare il fertilizzante per recuperare.

I metodi di irrigazione rimangono gli stessi. Fondamentalmente questa è un'immersione. Dovrebbe essere eseguito con attenzione in modo da non danneggiare il peduncolo. Il tempo dovrebbe essere ridotto in modo che il fiore ritorni al sito il più rapidamente possibile e il substrato non diventi troppo umido.

È bene combinare l'immersione con altri modi. Ad esempio, con irrigazione da un annaffiatoio o spruzzatura. Sostituendo una o due immersioni in modi meno efficienti, non consentirai al substrato di essere inondato, ma non permetterai al fiore di sperimentare la siccità.

Usare la concimazione durante la fioritura deve essere estremamente attento. Solo nel caso, è meglio ridurre il dosaggio raccomandato più volte. Ed è meglio posticiparlo del tutto.

Orchidea a spruzzo

Posso spruzzare un'orchidea durante il periodo di fioritura? Un'altra questione controversa, dividendo i coltivatori di fiori in due campi. Quando la pianta da fiore ha bisogno non solo rimane la stessa, ma aumenta anche.

Se l'aria nella stanza in cui crescono le orchidee è troppo secca, può persino danneggiare la fioritura. Pertanto, a volte è necessario spruzzare. A seconda dell'ambiente Se stiamo parlando della fioritura invernale, quando i riscaldatori evaporano tutta l'umidità dall'aria, allora, ovviamente, diventa una necessità. Ma in autunno, al contrario. Quando è umido all'esterno e nella stanza è freddo, l'umidità eccessiva causerà solo funghi e funghi. Pertanto, in tali periodi non è necessario spruzzare.

Questo dovrebbe essere fatto dal lato, perpendicolare al peduncolo. Allo stesso tempo è necessario escludere l'ingresso dell'acqua sui fiori stessi. Cioè, devi spruzzare foglie e radici.

Devo usare alcuni farmaci che spruzzano durante la fioritura? Sostiene perfettamente la salute del fiore in questo periodo, l'acido ambrato. Non solo fornirà alcuni nutrienti, ma aumenterà anche la sua immunità, che è così importante durante il periodo di fioritura.

Cosa minaccia l'irrigazione sbagliata

È molto facile danneggiare un'orchidea con un'irrigazione inadeguata, e non solo quando è sbocciata. Ma durante questo periodo è stata particolarmente sensibile a tutti gli eventi avversi.

La cosa peggiore che può accadere con irrigazione scorretta e, al tempo stesso, la più comune - radici in decomposizione. Non hai tempo di rallegrarti con le loro orchidee in fiore, mentre butta via i fiori e si ammala. Ecco perché è necessario prestare particolare attenzione a come innaffiare l'orchidea durante la fioritura. Inoltre, le orchidee a casa sbocciano molto spesso e per molto tempo.

Cosa devi ricordare? In nessun caso è impossibile sovrastampare il supporto. Immergere la pentola in acqua per non più di 10 minuti. Puoi saltare un irrigazione, sostituendolo spruzzando le radici dello spruzzatore. Per questo fiore, molto peggio del ristagno di umidità vicino alle radici rispetto alla sua mancanza. Ma non andare agli estremi, basta garantire una stabilità - livello di umidità moderato.

Se improvvisamente le radici della pianta cominciavano a sembrare brutte, allora dovrebbe essere avvertito. Sono i primi a segnalare un problema, anche quando le foglie sembrano sane e la pianta continua a fiorire. Se noti che le radici si sono scurite, molto probabilmente hai versato la tua bellezza. In questo caso, sarà richiesto un trapianto urgente nonostante non sia accettabile ripiantare le orchidee in fiore. Le radici di orchidea possono marcire molto rapidamente ed è impossibile ritardare questa situazione. A seconda dell'abbondanza delle radici e della dimensione del vaso, puoi provare a trapiantarlo con una perdita minima, senza disturbare le radici sane, ma solo tagliando il malato e sostituendo parte del substrato con uno asciutto.

Dopo la fioritura, aggiungi la concimazione con l'irrigazione per ripristinare rapidamente la salute del fiore. Ma non affrettarti a tagliare il peduncolo. Le orchidee adulte, dopo il completamento della fioritura, possono crescere un bambino su un vecchio peduncolo. Pertanto, se non ha iniziato ad asciugare, quindi lasciare tutto così com'è, e attendere un po '.

Come puoi vedere, la capricciosità di un'orchidea è molto esagerata. Hai solo bisogno di sapere come funziona questa pianta e di organizzare il giusto microclima per questo. Il resto delle sue cure è estremamente semplice e non richiede molto tempo o alcune abilità speciali.

Puoi anche apprendere le regole per annaffiare un'orchidea in fiore dal video:

Come non versare l'orchidea

Dopo aver letto nella nota di accompagnamento che l'orchidea ama la moderazione in tutto, ho deciso che questo non si applica all'annaffiatura delle piante, perché le foreste tropicali, di cui la phalaenopsis è nativa, sono caratterizzate da elevata umidità. E il substrato in cui cresceva l'orchidea mi sembrava molto inaffidabile. E, tra le migliori intenzioni, ho generosamente annaffiato e spruzzato orchidea, e alla fine del mese mi stavo preparando a trapiantarlo in un terreno più adatto, a mio parere, terreno. Ma non ho avuto il tempo di farlo, perché il fiore è morto. Ecco come la mia arroganza mi ha deluso. Non volendo offendere la suocera, io, a malincuore, comprai la stessa costosa orchidea e mi sedetti su Internet per imparare le regole per prendersene cura. Dopo aver letto molti articoli su diversi siti, mi sono reso conto di quanto fosse sbagliata la mia decisione di ignorare il parere degli specialisti. Il fiore è riuscito a morire a causa di ristagni, ma se non fosse marcito da esso, l'avrei ucciso trapiantandolo in terreno fertile.

Il livello di acidità dell'acqua e la sua temperatura ottimale

Una caratteristica importante dell'acqua di irrigazione è l'acidità del pH. Gli esperti dicono che il pH ottimale dovrebbe essere nell'intervallo 5-5.5. Se l'acidità è troppo alta, aggiungere alcune gocce di succo di limone acerbo al liquido, contribuirà alla sua diminuzione. A proposito, il livello di pH è facilmente registrato con l'aiuto di tornasole.

Lo sai?Alcune specie di piante della famiglia Orchid possono continuare il loro ciclo vitale per circa 100 anni. La temperatura dell'acqua ottimale per l'irrigazione non deve superare i + 40 ° C. Il limite inferiore di temperatura dovrebbe essere + 30 ° С. Il liquido dovrebbe avere una temperatura tale che quando si abbassano le mani non si avverte disagio.

Quante volte si consiglia l'irrigazione

La domanda su quanto spesso sia necessario innaffiare l'orchidea durante il periodo di fioritura rimane la più richiesta sui forum dei floricoltori. È importante capire che nessuno ti darà una risposta inequivocabile a tale domanda, poiché la frequenza di irrigazione di un fiore esotico dipende da molti fattori: il modo di piantare, il regime di temperatura, il tipo di orchidee.

Ad esempio, Dendrobium, Cattleya e Odontoglassum non amano il terreno sovrastampato. Tali piante preferiscono accumulare liquido nelle radici, foglie, germogli e crescere per qualche tempo nel terreno asciutto.

Ma la Phalaenopsis, la Miltonia e il Cymbidium devono essere annaffiati frequentemente durante il periodo attivo di crescita (durante la fioritura), poiché i fiori esotici elencati provano un forte disagio quando non c'è abbastanza umidità.

Va inoltre notato che una buona illuminazione e aria calda stimolano la crescita e lo sviluppo del fiore, i processi di fotosintesi attivi sono avviati, pertanto durante questi periodi è necessaria un'abbondante irrigazione.

È importante!In estate, le orchidee devono essere irrigate 4-5 volte più spesso che in inverno.Anche il metodo di impianto gioca un ruolo importante. Ad esempio, Wanda cresce in un sistema di sospensione e la spruzzatura dei suoi germogli e foglie è necessaria ogni 2-3 giorni. Quei fiori che crescono nel terreno ricco di muschio e perlite (queste sostanze trattengono bene l'umidità) vengono annaffiati un po 'meno spesso (ogni 5-7 giorni, a seconda della stagione).

"Doccia calda"

Nell'habitat naturale, i rappresentanti della famiglia Orchid assorbono spesso umidità durante la calda pioggia estiva. Ecco perché le piante devono creare condizioni il più vicino possibile al naturale.

Каждый месяц на протяжении 2-3 минут вазоны нужно опускать под теплый душ, температура которого не должна превышать 40°С. По окончании данной процедуры необходимо убрать капли воды, скатившиеся в пазухи листьев или кисти цветков. Для этого можно использовать обычный ватный тампон.

Lo sai?На Востоке люди очень любят напиток под названием «салеп». Самое интересное то, что изготавливают его из клубней орхидей. C'è una credenza popolare che una doccia calda possa stimolare la fioritura dell'orchidea. Tre procedure con un intervallo di 10 minuti possono portare alla pianta un tale stress che spingerà le orchidee verso i processi di procreazione.

Ma è importante capire che dopo l'irrigazione con il metodo "doccia calda", è necessario asciugare a fondo e / o ventilare l'apparato radicale del fiore in modo che i processi di decomposizione non inizino. Il lato positivo di questo metodo di irrigazione - la lisciviazione dagli strati superiori dei residui del suolo di sali di metalli pesanti e l'arricchimento delle radici con l'ossigeno.

"Immersion"

Questo metodo di irrigazione comporta l'immersione completa di una pentola con un fiore in acqua calda per 30 secondi. È importante non esagerare con la pianta in liquidi, altrimenti si può causare danni irreparabili ad essa.

Dopo aver tenuto la pentola per trenta secondi, richiede lo stesso tempo per drenare il liquido in eccesso (tenerlo in aria). Questo metodo di irrigazione è adatto solo per i fiori sani che non hanno malattie.

Bene, consiglio personale: il metodo di irrigazione di "immersione" è meglio effettuato solo durante i periodi di crescita attiva e fioritura (tarda primavera, estate, le prime settimane di autunno).

Condizioni per orchidee

Che cosa ho imparato in buona fede quando cercavo e studiavo informazioni sulla phalaenopsis? A loro non piace la luce diretta del sole, quindi la fioriera con un fiore è meglio mantenuta calda sotto una luce diffusa.

La temperatura della stanza non deve essere inferiore a 18 ºC. La temperatura ottimale per questa orchidea è di 22-24 ° C durante tutto l'anno, ad eccezione dei mesi autunnali, quando il fiore depone i boccioli per la fioritura invernale, quindi in autunno il vaso viene spostato in una stanza fresca ombreggiata (in alternativa, sul pavimento del balcone), dove la temperatura è non supera i 16 ºC e non scende al di sotto dei 14 ºC.

Annaffiatoio

Immediatamente si dovrebbe notare che è meglio irrigare le orchidee in questo modo nella prima metà della giornata (sarà un vantaggio se i vasi di fiori si trovano sul lato sud-est della casa). Per l'irrigazione è necessario un annaffiatoio con piccoli fori e acqua depurata.

Irrigazione per produrre su tutta la superficie del terreno, senza intaccare il punto di crescita (anche cercare di non versare acqua nei seni delle foglie). L'irrigazione continua fino a quando il liquido inizia a fluire dai fori inferiori nella padella. Quando ciò accade, è necessario attendere 3-5 minuti e ripetere la procedura. Quindi scaricare il liquido in eccesso dai pallet.

Segreti di annaffiare le orchidee

Le orchidee d'innaffiatura dovrebbero essere moderate e assomigliare alla pioggia nelle foreste tropicali. Come metterlo in pratica? Compra un vaso di vetro - un piccolo acquario o un grande vaso di vetro, decora il fondo con bellissimi ciottoli e posiziona al centro un vaso di fiori con un'orchidea. Versare l'acqua non nel vaso di fiori con un fiore, ma in un vaso di vetro - a circa 1 cm di altezza dal fondo. Le radici dell'orchidea attraverso i fori nella pentola assorbiranno la quantità d'acqua in cui ne hanno bisogno.

Come innaffiare le orchidee

Non versare mai acqua sul punto di crescita o sui fiori, altrimenti la pianta si ammalerà o marcirà. In un substrato costantemente umido, le infezioni fungine sopravvivono facilmente, da cui l'orchidea può morire. Le radici aeree assorbono l'umidità dall'aria, quindi in una stanza dove c'è una phalaenopsis a casa, è necessario mantenere un'alta umidità. Questo può essere ottenuto spruzzando ogni giorno nella stagione calda. Basta tenere presente che è necessario spruzzare acqua attraverso uno spruzzatore sottile in modo che l'umidità non scorra e non goccioli, ma formi una nuvola nebbiosa. Non c'è bisogno di spruzzare la pianta stessa, è meglio inumidire l'aria attorno ad essa.

Radicazione delle radici

Un metodo simile di inumidire le piante può essere usato solo dai proprietari di orchidee sospese, cioè crescendo su blocchi. Poiché i fiori pendenti assorbono l'umidità molto più rapidamente e le radici secche, l'irrigazione deve essere eseguita un po 'più spesso.

Gli esperti raccomandano l'uso di una pistola a spruzzo configurata per la modalità "nebbia". L'irrigazione dovrebbe essere fatta ogni 1-3 giorni al mattino presto.

Come innaffiare un'orchidea fiorita

Durante i periodi di fioritura dell'orchidea dovrebbe essere annaffiato più spesso. Nell'habitat naturale, la pioggia potrebbe non cadere per molto tempo, e questo non nuoce affatto alla pianta, perché sono adattati a tali processi.

Ma se vuoi che un ospite esotico ti delizi con un periodo di fioritura bello e lungo, l'irrigazione dovrebbe essere aumentata di 1,5-2 volte. Quindi, se di solito l'irrigazione viene effettuata mentre il terreno si asciuga, allora un'orchidea fiorente dovrebbe essere annaffiata abbondantemente ogni 3-4 giorni.

È importante!È molto facile determinare lo stato di riposo di un'orchidea: il fiore attivo ha una radice verde, mentre quello che dorme è bianco, coperto di velamen. Se il processo di fioritura avviene in estate, si dovrebbe ricordare una regola: l'intensità di irrigazione dovrebbe essere aumentata ad ogni irrigazione. In questo caso, la pentola dovrebbe essere tenuta sul lato soleggiato della casa. In inverno, la fioritura avviene meno frequentemente, ma se dovesse accadere, è necessario aggiungere varie medicazioni superiori all'acqua di irrigazione.

La differenza di irrigazione in inverno ed estate

Prima di iniziare a coltivare l'orchidea Phalaenopsis a casa, devi capire quante volte innaffiare questa pianta esotica in inverno e in estate. Immediatamente si dovrebbe notare che durante il periodo di "ibernazione", la temperatura del liquido di irrigazione non deve essere inferiore a + 35 ° C.

Se il luogo in cui viene tenuto il fiore è troppo freddo, allora la schiuma dovrebbe essere posizionata sotto la pentola. Durante i periodi di riposo, che spesso cadono nella stagione invernale, l'irrigazione è ridotta al minimo (l'irrigazione viene effettuata 1-2 volte al mese). Le restrizioni vengono rimosse solo in caso di fioritura di una pianta esotica.

In estate, quando la pianta cresce e si sviluppa attivamente, l'irrigazione viene effettuata molto più spesso. Ma una tappa importante è il periodo in cui il fiore lascia lo stato di riposo. In primavera, la frequenza e l'intensità dell'irrigazione dovrebbero essere gradualmente aumentate.

Dopo ogni irrigazione, il fiore deve essere posto in un luogo soleggiato, dal momento che iniziano i processi di fotosintesi attiva. In autunno, è necessario ridurre gradualmente l'irrigazione e preparare l'orchidea per uno stato di riposo.

Errori comuni di irrigazione

Molto spesso, gli errori di irrigazione possono portare al fatto che l'orchidea non fiorisce a lungo o la pianta semplicemente muore. Di seguito riportiamo gli errori più comuni dei coltivatori di fiori dilettanti, in modo da non permettere loro di prendersi cura del proprio fiore:

  • Dopo un'irrigazione pesante, molte persone dimenticano di scaricare l'acqua dai pallet. Questo errore porta al fatto che il fluido è costantemente nella parte inferiore del sistema radicale, e poiché evapora spontaneamente per un lungo periodo, i processi di decomposizione iniziano presto. C'è uno squilibrio nella distribuzione del fluido nelle parti inferiore e superiore della pianta: i germogli, le foglie e la parte superiore delle radici hanno bisogno di umidità, la parte inferiore del sistema radicale subisce un eccesso di umidità.

Lo sai?A Singapore, c'è l'Orchid National Park. Nella sua collezione ci sono più di 60 mila specie di queste piante esotiche, e questa è una cifra record in tutto il mondo.

  • Molto spesso, le orchidee vengono vendute insieme a una parte invisibile che tiene in mano. È progettato per trattenere l'umidità, se l'irrigazione è rara. Ma dal momento che ti prenderai cura della tua pianta, dimenticandoti della parte ad alta intensità di acqua (situata all'interno del sistema radicale e composta da muschio o gommapiuma), puoi danneggiare irreparabilmente l'orchidea. Il muschio o la schiuma terranno l'umidità a lungo e l'irrigazione sarà abbastanza frequente. Tutto porterà al fatto che la pianta morirà da una sovrabbondanza di umidità. Questo è il motivo per cui dopo aver acquistato il fiore deve essere trapiantato.
  • Una spruzzatura troppo frequente porterà alla perdita di gran parte del fogliame. Se spruzzi il fiore ogni giorno, l'umidità si accumula nel punto di crescita e gradualmente distrugge le cellule. Tali azioni sono inaccettabili, quindi la spruzzatura viene eseguita non più di una volta ogni 2-3 giorni e, dopo ogni procedura di inumidimento, la pentola viene posta in un luogo soleggiato per una buona asciugatura.

Ora sai quanto spesso è necessario innaffiare le orchidee a casa in estate e in inverno, in modo che non muoiano e diano regolarmente una fioritura intensiva. Ricorda che la cosa più importante nella cura di un ospite tropicale è creare condizioni vicine a quelle delle foreste tropicali dell'America e dell'Asia.

Pin
Send
Share
Send
Send