Informazioni generali

Staphylococcosis in trattamento di sintomi di conigli

Lo stafilococco viene trasmesso da animali malati o portatori attraverso
feci, urina, pus da ascesso, muco nasale, attraverso popolato
soggetti patogeni. I batteri entrano nel corpo attraverso le mucose e
pelle danneggiata.

La probabilità di infezione aumenta con cattive condizioni igieniche
la condizione dei locali per i conigli - affollamento, cure inadeguate,
l'assenza o la rara condotta di disinfezione, la presenza di ferite, morsi,
grattando gli animali.

Staphylococcosis può svilupparsi in qualsiasi momento, ma è particolarmente pericoloso.
il periodo di un akrol, da allora. i conigli, a differenza degli animali adulti,
completamente incapace di resistere alle infezioni.

Sviluppo e segni di stafilococco

Avendo penetrato, gli stafilococchi si moltiplicano, si verifica l'infiammazione.
Gradualmente, i batteri e la linfa si diffondono attraverso i tessuti e gli organi.
Foci di infezione il corpo cerca di isolare la crescita
tessuto connettivo che circonda un ascesso come una capsula. Tuttavia, dopo 1 -
3 mesi di ascesso si aprono ancora in una delle cavità, coniglio
muore.

Quando gli stafilococchi sono distribuiti in tutto il corpo, diventano
causa e altre malattie satelliti. Quindi, in un coniglio, se lei
si nutre, si può sviluppare una mastite purulenta, in qualsiasi coniglio -
pododermatite.

L'incubazione dei batteri dura da 3 a 5 giorni. Quindi uno di
forme della malattia. Potrebbe essere piemia vagante - ulcere
taglia dal pisello alle uova di gallina sotto la pelle del corpo, testa,
labbra, dietro il bulbo oculare, che causa la sua protrusione, in qualsiasi
organi interni. Gli animali sono oppressi, rifiutano il cibo, rapidamente
perdere peso

Un'altra forma di stafilococco - pyodermacolpire coniglietti in
età 1 - 3 giorni. Sul loro corpo compaiono ulcere molto piccole,
gli ascessi si sviluppano e dopo un breve coniglio muore.

setticemia - Un'altra forma della malattia in cui
gli stafilococchi sono trasportati nel corpo dal sangue, causando il più duro
intossicazione, quindi - morte.

Il trattamento è ragionevole se l'animale è estremamente prezioso. coniglio
fare iniezioni endovenose di antibiotici (penicillina ogni 5 -
6 ore), aprire ascessi e asportarli insieme alla capsula. esterno
ulcere 2 volte al giorno sono trattate con soluzione di iodio, verde brillante
acido carbolico. Il trattamento deve essere effettuato da un veterinario, animale
deve essere isolato e la sua visita deve essere accompagnata
misure di sicurezza personali estreme.

Prevenzione dello stafilococco

La vaccinazione stafilococcica viene utilizzata per prevenire la malattia.
tossoide. Di solito sono vaccinati con femmine in gravidanza. necessariamente la stessa
le misure preventive sono la stretta aderenza a tutti i sanitari
standard di contenuto. Pulizia e disinfezione regolari dei locali
prevenzione di ferite, abrasioni, morsi di animali.

  • Virus della Nuova Zelanda RHDF1-K5 su.
    Non molto tempo fa, ho parlato di un nuovo ceppo del virus coreano.
    08/05/2018 | Nessuna recensione
  • Guerra con i conigli australiani
    Timiryazev ha scritto: "La progenie di un dente di leone per 10 anni.
    17/06/2018 | Nessuna recensione
  • Virus mutante del coniglio assassino
    Quanto presto aspettarsi un nuovo virus VGBK-K5? Sulla "Guerra dei Conigli".
    12.06.2018 | Nessuna recensione
  • Salmonellosi di coniglio
    La salmonellosi, o febbre paratifo, è classificata come infettiva.
    24/07/2015 | Nessuna recensione
  • Coccidiosi di coniglio
    La coccidiosi di coniglio è una patologia invasiva causata da.
    15/07/2015 | commenti 8
  • Tularemia nei conigli
    La tularemia (tularemia) è una malattia infettiva che può interessare.
    13/07/2015 | Nessuna recensione
  • Racchette nei conigli
    Il rachitismo è una malattia abbastanza comune nei conigli, principalmente.
    07/12/2015 | Nessuna recensione
  • Pododermatit, o plantar der.
    La pododermatite, o dermatite plantare, dei conigli è una malattia.
    07/05/2015 | commenti 25

Ciao Dmitry. Dimmi se la stafilococcosi viene trasmessa dal malato maschio ai suoi discendenti

Staphylococcosis in trattamento di sintomi di conigli

Stafilococchi nei conigli. L'eziologia. L'agente eziologico della malattia è lo stafilococco sferico con diametro di 0,8-1 micron. Le spore e le capsule non si formano, immobili, gram-positive. Aerobi, e anaerobico facoltativo, cresce bene sui normali terreni nutrienti. Staphylococcus si trova in forma di cluster.

Gli stafilococchi sono molto diffusi in natura. Tra questi ci sono ceppi non patogeni e patogeni. Nei conigli, la malattia è principalmente causata dalla specie Staphylococcus aureus, meno comunemente St. albus. L'agente patogeno è altamente resistente all'essiccamento, all'esposizione alla luce solare, alle alte temperature, alle sostanze chimiche.

Stafilococchi nei conigli. Dati epizootologici Molti animali e umani sono suscettibili alla stafilococcosi. I conigli sono particolarmente sensibili. Sono malati, indipendentemente dall'età.

La fonte dell'agente causale dell'infezione sono conigli malati, che emettono un esordio infettivo con feci, muco nasale e pus da ascessi. L'infezione si verifica attraverso il tratto respiratorio superiore, la pelle danneggiata e le mucose.

Fattori che contribuiscono alla comparsa e diffusione dell'infezione sono alimentazione inadeguata, sovraffollamento in condizioni non igieniche, presenza di abrasioni sul corpo, ferite, graffi a causa di lesioni della pelle e delle mucose che perforano gli oggetti nelle cellule, con una lotta, mancanza di latte nelle femmine e nibble capezzoli della ghiandola mammaria.

La stagionalità in questa malattia non è pronunciata, si osserva in qualsiasi momento dell'anno, ma più spesso è associata a periodi di ocroles e alla presenza del coniglio più sensibile - neonato (appare Piemia) e alle femmine che allattano (mastite).

La malattia si manifesta sotto forma di enzootia. Una tipica caratteristica epizootologica è la stazionarietà, dovuta all'accumulo del patogeno nell'ambiente domestico a causa della sua elevata stabilità, del trasporto a lungo termine dell'agente patogeno nei conigli.

Mortalità in stafilococco 50-70%.

Stafilococchi nei conigli. Segni clinici Il periodo di incubazione è di 2-5 giorni. La manifestazione clinica dello stafilococco nei conigli è diversa e, a seconda del decorso della malattia, le forme della malattia sono denominate in modo diverso.

La setticopoiemia di neonati di un coniglio è stata descritta per la prima volta da S. V. Leontyuk nel 1934. L'autore consiglia di chiamarlo pioderma, poiché questa malattia è caratterizzata dalla formazione di numerose pustole delle dimensioni del miglio sulla pelle di un cucciolo di coniglio di 1-3 giorni di età. I conigli, di regola, muoiono in pochi giorni.

La piemia vagante (randagio) è accompagnata dalla formazione in diverse parti del corpo (di solito sotto la pelle delle labbra, testa, fianchi, schiena) ascende la dimensione di un pisello a un uovo, spesso risultante da un danno alla pelle e dall'introduzione di stafilococchi nella ferita. Grossi ascessi a volte spontaneamente aperti, una grande quantità di pus scorre da loro. Possono anche essere formati negli organi interni - nel fegato, nei polmoni, nel cervello.

A volte gli ascessi sono incapsulati, anche se più spesso l'agente patogeno si sviluppa per via ematogena in tutto il corpo e l'infezione assume la forma di piemia o setticemia.

Setticemia. Nei pazienti con aumento della temperatura corporea a 41-42 ° C, la respirazione rapida, la depressione grave ei conigli muoiono.

Mastite. Inizialmente, vi è arrossamento, gonfiore e un aumento della temperatura locale del lobo interessato della ghiandola mammaria. Quindi, sotto la pelle o nel suo parenchima, compaiono degli ascessi, che sono spesso aperti all'esterno o all'interno della ghiandola. Quando si preme verso il basso, il latte viene mescolato con pus e sangue. A volte ci sono ampi focolai di infiammazione del seno.

Stafilococchi nei conigli. Cambiamenti patologici corrispondono ai dati del quadro clinico in diverse forme di stafilococco (presenza di ascessi sotto la pelle, negli organi e nei tessuti). A volte si registrano edema polmonare, ingrossamento della milza e linfonodi.

Stafilococchi nei conigli. La diagnosi non è difficile da stabilire sulla base di un quadro clinico caratteristico e risultati di un'autopsia. Per identificare il patogeno isolato da ascesso pus, pigmento ed attività emolitica è determinato.

Secondo i risultati della ricerca batteriologica, la malattia è differenziata dalla pastorellosi e da altre setticemie, in cui vi sono ascessi.

Stafilococchi nei conigli. Trattamento. Nella fase iniziale, con pustole nelle aree delle lesioni, la pelle viene pulita, strofinata con alcol, quindi le pustole vengono spalmate quotidianamente con soluzione di fenolo al 3% o soluzione alcolica al 5% di verde brillante. Con lesioni estese, vengono prescritti terapia tissutale e radiazioni ultraviolette.

Le forme cliniche di stafilococco, accompagnate da ascessi, sono trattate dopo un precedente intervento chirurgico. Con l'avvento della fluttuazione, un ascesso insieme a. la capsula viene rimossa o viene praticata un'incisione, la ferita da fvololo viene data dall'essudato mediante tamponi di cotone-garza vymakivaniem, irrigati con soluzioni di perossido di idrogeno (3%), lattato di etacridina (0,05%), furatsillina (0,03-0, 04%), antibiotici, sulfonamidi, ecc. Quando vengono utilizzati granuli, si usano unguenti ed emulsioni: penicillina, tetraciclina, sintomicina, streptomicina, iodoformen, ecc.

Ai pazienti per via intramuscolare vengono somministrati antibiotici: bicillina 50-100 mila UI una volta, penicillina con streptomicina, dose di 15-20 mila UI per I kg di peso.

La pelle dei lobi colpiti della ghiandola mammaria con mastite viene imbrattata con canfora, iodio di potassio, pomate di ittiolo o mastisan, si usano i mastici.

Stafilococchi nei conigli. Misure di prevenzione e controllo. Al fine di prevenire le malattie da stafilococco, proteggono le fattorie dall'agente patogeno, eliminano i fattori che contribuiscono alla sua comparsa, effettuano sistematicamente la disinfezione preventiva, eliminano le cause che causano traumi alla pelle e alle mucose, conducono regolarmente esami clinici con l'obiettivo di individuare precocemente i pazienti, in particolare il coniglio nei primi giorni dopo la nascita, la stagione fredda per evitare il sovraraffreddamento della ghiandola mammaria quando il contenuto dei conigli nei capannoni fornisce una quantità adeguata di rifiuti.

Quando una malattia viene stabilita in una fattoria di animali malati, vengono isolati e trattati, l'importazione e l'esportazione di conigli è vietata e il raggruppamento senza la conoscenza di specialisti veterinari. Le carcasse di conigli affetti da stafilococco vengono distrutte.

Le cellule rilasciate vengono disinfettate con una soluzione di formaldeide al 4%, una soluzione di cloroammina al 2%, una soluzione di acido tricloroisocianurico allo 0,5% e una soluzione di scarico caldo all'8%. La disinfezione dell'aerosol dei locali viene effettuata con una soluzione di formaldeide al 25% alla velocità di 20 ml per 1 m 3 ad un'esposizione di 3 ore.

Dati epizootologici sullo stafilococco

La malattia è diffusa, causando spesso un grande spreco di giovani conigli. L'agente patogeno si trova in luoghi sporchi, umidi, nei mangimi, sulla pelle umana o animale. Lo stafilococco è sensibile a tutti gli animali, mentre i conigli sono considerati i più sensibili alla malattia. Una malattia si verifica quando le cellule sono in una condizione antigienica, che indebolisce la resistenza del corpo agli animali, provoca danni all'integrità della pelle, la presenza di oggetti appuntiti nelle cellule (chiodi, estremità dei cavi, parti metalliche taglienti, sporgenti), lettiere grossolane. L'infezione viene introdotta attraverso ferite, abrasioni sulla pelle e sulle mucose, attraverso graffi e morsi sulle ghiandole mammarie, ecc.

Trattamento di conigli per stafilococco

Trattamento per la malattia da stafilococco sotto la guida di un veterinario. In caso di più lesioni pustolose, i giovani animali vengono regolarmente iniettati per via sottocutanea con antibiotici e imbrattati con ascessi con una soluzione alcolica al 5% di colore verde brillante. Dopodiché, dopo 10-15 minuti, è utile lubrificare le zone interessate con un unguento antibatterico.

Grossi ascessi dovrebbero essere, senza aspettare la loro apertura spontanea, aperti e puliti dal pus. È meglio rimuoverli insieme alla capsula (la conchiglia che copre l'ascesso). Tuttavia, questo non è sempre possibile. Le ulcere sulle zampe sono utili per il trattamento con unguento Vishnevsky.

Con la sconfitta della ghiandola mammaria, è necessario esprimere regolarmente latte in conigli e iniettare medicine antibatteriche intramuscolari. Sono prescritti antidolorifici e antinfiammatori.

Cos'è questa malattia?

Lo stafilococco è una malattia infettiva in cui la morte per il bestiame può essere del 70%. Per la malattia è caratterizzata dallo sviluppo di processi infiammatori, accompagnato dall'insorgenza di lesioni pustolose.

Fattori che influenzano l'infezione:

  • inosservanza delle norme sanitarie per il mantenimento degli animali (mancanza di disinfezione di animali da coniglio e gabbie, alta densità di conigli, scarsa ventilazione dell'ambiente),
  • mancanza di vaccini preventivi contro le malattie infettive,
  • inosservanza delle misure di quarantena per i nuovi animali.

Il più suscettibile all'infezione del coniglio al momento della akrol, individui giovani e indeboliti. Uno stafilococco nel corpo inizia a moltiplicarsi, rilasciando tossine, a seguito delle quali si verifica un processo infiammatorio nell'area dei cocchi. Insieme al flusso sanguigno, i microrganismi si diffondono attraverso gli organi interni, creando nuovi focolai di infezione.

L'agente e le cause di infezione dello stafilococco

Piccoli microrganismi causano la malattia - Staphylococcus pyogenes aureus, Staphylococcus pyogenes albus, Staphylococcus tpidermidis. I cocchi si distinguono per il grado di parassitizzazione e attività, evidenziando 19 specie di questi microrganismi. Gli stafilococchi furono descritti per la prima volta da R. Koch nel 1878 e nel 1881 furono trovati nei conigli e descritti da un altro Dr. G. Zemmer. La fonte dell'infezione può essere una persona o un animale malato. Il microrganismo viene trasmesso da goccioline trasportate dall'aria, nonché insieme a muco, pus e feci.

In natura, gli stafilococchi possono essere ovunque - nella polvere, nell'aria. L'infezione del coniglio si verifica in violazione dell'integrità della pelle - ferita, graffi, natoptysh, così come la sconfitta delle mucose.

Forme e sintomi della malattia

Il termine "stafilococco" stesso descrive un gruppo di malattie:

  • setticopatia - danno alla pelle dei neonati di conigli,
  • piemia vagante - tossine che avvelenano il corpo,
  • setticemia: sepsi ematica,
  • mastite purulenta.

Staphylococcosis può colpire i conigli indipendentemente dall'età. Sia gli animali selvatici che quelli domestici sono ugualmente colpiti. Le manifestazioni cliniche della malattia possono essere molto diverse. Ma la base di tutte le malattie è la presenza di ulcere.

Piagnosi errante (randagio)

L'epiteto "errante" nel nome della malattia caratterizza il modo in cui il corpo del coniglio viene danneggiato dai cocchi - il movimento di microrganismi insieme al flusso di sangue verso nuove aree non interessate.

Nella sede di streptococchi si verifica l'infiammazione. Il sistema immunitario cerca di bloccare la lesione, a seguito della quale si verifica un accumulo di pus (ascesso). Dopo 1-3 mesi, l'ascesso si apre, si verifica l'intossicazione dell'organismo e, probabilmente, la morte dell'animale.

Mastite purulenta

I conigli con una piccola quantità di latte o ristagno di latte nelle ghiandole a causa di un piccolo numero di conigli sono soggetti a mastite. La mastite purulenta è una lesione della ghiandola mammaria di un coniglio con streptococchi.

La mastite purulenta può svilupparsi in due modi:

  • in un piccolo coniglio da latte, a causa del richiamo della ghiandola mammaria nel coniglio, l'agente causale della malattia può entrare nel corpo,
  • Lo stafilococco entra nella ghiandola con un flusso sanguigno da un altro organo infetto.
Mastite di coniglio

Diagnosi di stafilococco

Per diagnosticare la malattia da stafilococco, è sufficiente la presenza di ulcere multiple sulla pelle o sulle mucose.

Pertanto, la diagnosi viene considerata in 2 modi:

  • in conigli vivi - con l'aiuto di un esame esterno e analisi del sangue biochimiche, urina, contenuto di ulcere,
  • quando si apre il coniglio, si osservano più lesioni degli organi interni.

La diagnosi è difficile solo se gli organi del tratto gastrointestinale sono interessati. In questo caso, le ulcere esterne sono assenti.

Come trattare i conigli malati

L'animale malato deve essere isolato dagli altri animali domestici. Nel coniglio passare la disinfezione. Un coniglio malato deve essere mostrato a un veterinario. Il corso di trattamento prescritto e il dosaggio dei farmaci devono essere osservati in modo molto preciso, perché i conigli sono sensibili al sovradosaggio di antibiotici. Il trattamento farmacologico prevede un ciclo obbligatorio di antibiotici. Il coniglio può ricevere penicillina ogni 4-6 ore per via intramuscolare. Il dosaggio del farmaco - 15000 UI per 1 kg di peso corporeo. Gli ascessi visibili sulla pelle sono aperti, il pus viene rimosso.

La ferita viene trattata con acido carbolico al 3% o iodio 2 volte al giorno. Una soluzione al 5% di pioctanina viene applicata anche alla ferita. Questo farmaco è un antisettico e viene utilizzato per varie lesioni cutanee. Se il coniglio ha una lesione della ghiandola mammaria, il latte deve essere decantato regolarmente, la ghiandola deve essere trattata con penicillina o unguento di ittiolo 3 volte al giorno.

Guarda il video: Udite Udite: Insetti nell'orecchio - Audire & Radio Lodi (Luglio 2019).